Al Museo con... Patrimoni narrati per musei accoglienti

Promotore/Curatore
Museo Nazionale Preistorico Etnografico "Luigi Pigorini" e Museo Nazionale d'Arte Orientale 'G. Tucci'
Tipo
Promozione multimediale
Anno inizio
2013
Anno fine
2014
URL
http://www.almuseocon.beniculturali.it

Finanziamento

Finanziamento MiBACT in seguito alla partecipazione al bando “Promuovere forme innovative di partecipazione culturale”, promosso dalla Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale con Circolare n. 7/2012.

Abstract

Nato dalla collaborazione tra il Museo Nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini” e il Museo Nazionale d’Arte Orientale 'G. Tucci' di Roma, il progetto "Al museo con... Patrimoni narrati per musei accoglienti" sperimenta una nuova forma di mediazione del patrimonio culturale attravereso l'elaborazione di un programma, condiviso con diverse realtà pubbliche e private, incentrato sulla costruzione di percorsi di avvicinamento e di apprendimento dei contenuti museali e finalizzato al coinvolgimento dei diversi pubblici e alla promozione di forme alternative e innovative di visita alle collezioni permanenti.

Descrizione

Il progetto "Al museo con... Patrimoni narrati per musei accoglienti" sperimenta una nuova forma di mediazione del patrimonio culturale valorizzando le esperienze educative e di rete svolte dai due musei nazionali di Roma, anche nell'ambito di alcuni importanti progetti europei (READ-ME 1 e 2). 

La sperimentazione consiste nell'elaborazione di un programma, condiviso con diverse realtà pubbliche e private, incentrato sulla costruzione di percorsi di avvicinamento e di apprendimento dei contenuti museali e finalizzato al coinvolgimento dei diversi pubblici e alla promozione di forme alternative e innovative di visita alle collezioni permanenti.

"Al museo con... Patrimoni narrati per musei accoglienti" si fonda su un approccio partecipativo e multi-vocale alla conoscenza del patrimonio e coinvolge attivamente alcune categorie di visitatori esemplari (studenti, migranti, rifugiati, persone con disabilità, esperti) nell'osservazione e nella presentazione in forma narrativa degli oggetti esposti.

Il progetto è animato dalla convinzione che i contenuti scientifici del museo possano essere comunicati anche in modo informale e ludico e dalla volontà di dare un senso attuale e dinamico al patrimonio, un concetto che oggi tende ad essere sempre più in relazione con le cosiddette "comunità interpretanti".

Il focus sta nella realizzazione di sei percorsi narrati interattivi (tre per ciascun museo) su alcuni oggetti e temi delle collezioni museali, progettati nell'ambito di un ciclo di laboratori di narrazione e di scrittura.

A partire dal 16 giugno 2014, il pubblico dei due musei potrà visitare le collezioni attraverso gli occhi e la voce di alcuni narratori: Hazel, Juvi, Flavia e altri studenti dell'Istituto "Daniele Manin" di Roma;  Sharif e Ali, rifugiati afgani dell'associazione FOCUS-Casa dei diritti sociali; Claudio, un archeologo esperto in antropologia fisica, metallurgia e archeologia sperimentale; Ndjock e Ghandy, un mediatore culturale e uno studente delle associazioni Kel'Lam e Comunidad Peruana di Roma; Anna e Valentina, due studentesse sorde delle associazioni KIASSO e CREI; Dechen e Geshe, rifugiati tibetani e Giulia, tibetologa. 

La fruizione dei percorsi narrati da parte del pubblico avverrà attraverso un'applicazione web su piattaforma Android, disponibile su un tablet distribuito agli info-point dei due musei o scaricabile su dispositivi mobili degli utenti dal sito web o nell'area wi-fi dei due musei. 

L'applicazione permetterà al pubblico di scegliere in autonomia i diversi percorsi narrati e di vivere un'esperienza interattiva, immersiva ed emozionale di visita alle collezioni. 

Attraverso la "lente magica" dello schermo dei tablet e mediante la tecnologia della realtà aumentata, il pubblico potrà ascoltare storie e intepretazioni sugli oggetti dalla viva voce dei narratori e guardare scenari di ricostruzione e/o di evocazione di contesti. Una sezione di contenuti di approfondimento permetterà poi di conoscere più in profondità specifici temi e aspetti collegati agli oggetti presentati e alle narrazioni ascoltate.

dal sito http://www.almuseocon.beniculturali.it

Informazioni

Capofila del progetto: Museo Nazionale Preistorico Etnografico “L. Pigorini” in collaborazione con Museo Nazionale d’Arte Orientale “G. Tucci”

Soprintendente MNPE e Direttore MNAO: Francesco di Gennaro 

Il gruppo di lavoro

Direzione e coordinamento: Vito Lattanzi
Coordinamento per il MNAO: Paola D’Amore
Servizi educativi: Gabriella Manna, Alessandra Serges
Servizi di comunicazione e web: Gianfranco Calandra, Antonio Falcone, Oscar Nalesini, Caterina Paola Venditti
Ricerca, mediazione e redazione: Rosa Anna Di Lella, Irene Salerno
Accessibilità, LIS: Miriam Mandosi
Tutoraggio Laboratori di narrazione e scrittura: Andrea Ciantar
Sviluppo contenuti multimediali: Alessandro Flemma
Supporto didattico ai laboratori del MNAO: Serena Autiero
Supporto al progetto: Lorenza Messina 

Il progetto si giova della collaborazione in forma di consulenza di:
Politecnico di Milano – Dipartimento di Progettazione dell'Architettura (DPA)
Icom Italia - Commissione tematica “Accessibilità museale”
Ente Nazionale per la Protezione e l'Assistenza dei sordi (E.N.S. - ONLUS)

A livello territoriale il partenariato include:

Istituto Comprensivo “Daniele Manin”
Istituto Istruzione Superiore Roberto Rossellini
Scuola Internazionale di Comics S.A.S. di Alfredo Caterini & C.
FOCUS - “Casa dei diritti sociali”
Associazione Culturale Kel ‘Lam
Comunità Peruviana di Roma
Kiasso - Turismo Internazionale per Sordi ONLUS
CREI - Cooperativa Sociale di Interpretariato Ricerca Formazione LIS