Anello ferma-treccia

Anello ferma-treccia
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Abbigliamento e ornamenti personali
Nazione, Regione, Provincia
Italia, Lazio, RM
Città
Roma
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Arte Orientale 'Giuseppe Tucci'
Inventario
19167/29154
Materia e tecnica
Oro; fusione; incisione
Datazione
fine II millennio a.C.
Provenienza
Prodotto in Iran sud-occidentale o occidentale
Dimensioni
lungh. 2.4 cm; largh. 1.8 cm diam. max. foro 1 cm; peso 7.750 gr.
Copyright immagine
Museo Nazionale d'Arte Orientale 'Giuseppe Tucci'

Descrizione breve

Anello ferma-treccia a spirale, decorato nella parte superiore con un motivo a spina di pesce incisione superficiale. Si tratta di una tipologia molto diffusa alla fine del III millennio a.C. Esemplari molto simili sono attestati a Tepe Giyan IV B (2300-2100 a.C.) e altri ferma-treccia paragonabili, dello stesso periodo, provengono dal sito di Tell Brak in Alta Mesopotamia e da Ur in Mesopotamia meridionale. La tipologia continuò ad essere prodotta anche successivamente: nel deposito di Bylim (XIV-XIII sec. a.C.), nel Caucaso centrale, sono stati rinvenuti anelli identici in bronzo.

Bibliografia

Lombardo, G.,"I gioielli del Periodo Protostorico", in Mazzeo, D. (a cura di) (2005), Splendori dell'Asia. Frammenti di diamante. Opere esemplari di una donazione, cat. della Mostra, Museo Nazionale d'Arte Orientale, Roma, p. 114, n. 166