Bruciaprofumi (lu huong)

Bruciaprofumi (lu huong). Inv. 21042/31142
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Contenitori e recipienti
Nazione, Regione, Provincia
Italia, Lazio, RM
Città
Roma
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Arte Orientale 'Giuseppe Tucci'
Collezione
Ezelino Magli
Inventario
21042/31142
Materia e tecnica
Bronzo/ottone con leggero strato di lacca
Datazione
Secc. XVII-XVIII; dinastia Le posteriore restaurata (1539-1782)
Provenienza
Vietnam
Dimensioni
Altezza 11 cm; diametro 13,5 cm
Copyright immagine
Museo Nazionale d'Arte Orientale 'Giuseppe Tucci'

Descrizione breve

Bruciaprofumi dal corpo a profilo globulare, lievemente schiacciato ai poli, posto su tre tozzi piedi conici con estremità “a zoccolo di cavallo”; sopra il punto di massima curvatura, a circa ¾ dell’altezza, sono impostate due vistose maniglie in lega di colore argenteo a contrasto di quella giallastra del corpo. Sia i manici sia i piedi sono decorati con motivi a maschere taotie, ottenute a stampo nella matrice di fusione. Il corpo è decorato da una costola rilevata che sottolinea il punto di inflessione del profilo all’altezza dell’inserzione dei manici, e, posta a sottolineare l’orlo everso, da una teoria di cerchi a risparmio sullo strato di lacca. Sulla base, scritta in caratteri cinesi, è presente una marca di regno apocrifa dell’imperatore Xuande (r. 1426-1435) della dinastia Ming; tale marca ricorrente nei vasi di bronzo cinesi prodotti dalla tarda dinastia Ming ai primi imperatori Qing, fu anche adottato dai fonditori vietnamiti e giapponesi come una sorta di “bollino di garanzia” della qualità superiore della fusione.

Bibliografia

Magli, E. (D.r). Cimeli d'Oriente. Divagazioni su di una Collezione Indo-Cino-Giapponese (posseduta dall'Autore). Parte II: Cina. Bologna, Libreria L. Cappelli, 1935: p. 14, fig. 2.