Monetiere

MONETIERE

I primi fondi numismatici entrano a far parte delle raccolte nel 1957, quando l’Istituto Italiano per il Medio ed Estremo Oriente (IsMEO, oggi IsIAO, istituto posto in liquidazione coatta), onorando il decreto istitutivo del Museo (DPR 1410/1957), depositò le proprie raccolte archeologiche e storico artistiche che comprendevano anche emissioni centro asiatiche ed iraniche (greco-battriane, kuṣāṇa e partiche), in parte donate ed in parte acquisite per discarico inventariale dal Museo Nazionale Romano.

Nel corso degli anni il Monetiere si è dotato di numerosi ed importanti fondi numismatici, provenienti dall’Iran, dall’Asia Centrale, dall’India, dall’Estremo Oriente, acquisiti sia a trattative privata, sia come doni. I fondi più importanti sono:

Il Monetiere annovera ad oggi circa 1800 esemplari coprendo l’arco cronologico compreso tra il VI secolo a.C. e il XX secolo.