Servizio di bioarcheologia e microscopia elettronica

Responsabile Dott.ssa Loredana Biasini
loredana.biasini@beniculturali.it

Il Servizio di bioarcheologia e microscopia elettronica è stato costituito nel 1995 quale potenziamento del precedente Laboratorio di bioarcheologia (in funzione dal 1980). La sua attività è parte integrante dei programmi di gestione, tutela e valorizzazione del patrimonio del Museo, perché fornisce informazioni sulla composizione chimica elementare degli oggetti d'arte e sui processi di lavorazione dei materiali che si rivelano preziose per la programmazione e la realizzazione degli interventi di conservazione e restauro.

Il Servizio è articolato in due sezioni, il Laboratorio di microscopia elettronica ed il Laboratorio di bioarcheologia, dotate di specifiche attrezzature che permettono lo svolgimento di analisi non distruttive, ovvero che non richiedono il prelievo e la distruzione di un campione del manufatto da esaminare.

I compiti principali affidati al Servizio sono:

Il Servizio collabora con il Centro di Bioarcheologia dell'Istituto Italiano per l'Africa e l'Oriente (IsIAO), con altre istituzioni di ricerca italiane ed europee e con missioni archeologiche che lavorano in Italia, nel Caucaso, nel Vicino e Medio Oriente e nella Penisola Araba nell'ambito dei programmi nazionali.

Specifici accordi di cooperazione sono stati stipulati, direttamente o attraverso la convenzione quadro che regola i rapporti tra il Museo e l'IsIAO, con diverse istituzioni internazionali.

Per conoscere meglio le attività del servizio di Bioarcheologia, leggi Il Servizio di bioarcheologia e microscopia elettronica: attività e ricerche recenti  

Collaboratori

Gemma Morgione
gemma.morgione@beniculturali.it

Fabrizio Pica
fabrizio.pica@beniculturali.it